Blog: http://percorsolaterale.ilcannocchiale.it

bordi.

sono entrato nel tuo bagno.

la porta rossa, che non chiudevi mai
lo specchio, che pulivi in continuazione,
il dentifricio che non tappavi mai
sembrava fossi seduto, come il tuo solito a leggere un libro
come quando ti parlavo non distoglievi gli occhi.
smettevi di leggere ma continuavi a fissare la pagina
sapevo che mi stavi ascoltando, ma ti piaceva far finta di essere troppo preso dal tuo testo, o che le mie parole non fossero abbastanza interessanti.
l'ho capito solo dopo.
ti piaceva essere distratto e impegnato.
adesso, cosa fai con i pantaloni abbassati e le braccia che penzolano sul bordo delle tasche
fissi a fare la lavatrice spenta
perchè non leggi il tuo libro e perchè adesso è per terra
perchè non mi ascolti più
perchè non ti distrai

hai scelto la via delle emozioni per sacrificare il male, 
hai scelto di vivere mille vite in un solo giorno , hai scelto di morire oggi per non contare fino a cento
hai visto il sole con gli occhiali rotti e hai camminato sulla luna con le ciabatte.
oggi finisce il male
ti chiedo scusa, per quelli che verseranno lacrime di circostanza e per chi non ne verserà per paura di sprecarne
oggi inizia l'infinito
adesso, si dorme e domani sarò di nuovo giorno.

Pubblicato il 9/2/2012 alle 23.32 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web